Basla land

Quasi un anno fa il Gentil Consorte ed io eravamo su un furgone scassato, affittato per l occasione.
Abbiamo “raccattato” la pianta di menta tunisina, il narghilè, giochi, letti, scatole, mobili, vestiti e soprattutto lo gnomo…
E abbiamo scaricato tutto nella nostra nuova casetta.
Aprire il cancello era un’ emozione..
Du’ matti che guardavano con infinita tenerezza il vialetto, piuttosto che la grondaia appena montata..
Ci mancava che mi coccolassi la maniglia appena scelta…..
Ad onor di cronaca la prima cosa che abbiamo comprato è stato il water nuovo.
Ancora mi ricordo il momento di gloria in cui il Consorte è uscito al negozio con il wc nuovo di zecca da una parte e il copri water dall altra…
Basta case in affitto con muri arancione anni 70 o con mobili risalenti al bisnonno dell’affittuario!
Una sorta di liberazione mistica…che ci crediate o no.
Pensare di ciabattare in casa propria in mutandoni è tutta un’altra storia..
Che siamo capitati in questo piccolo paesino poco fuori Roma per caso.
Non conoscevamo nessuno e nonostante tutto non ho mai dubitato di potermi trovare bene.
È un paesino delizioso, storicamente importantissimo, turisticamente pieno di cose da fare ..
L adoro.
Fai una passeggiata in centro e ti senti immersa in un passato remoto con le rovine del Castello.
Girare per le viuzze è un piacere.
Se guardi a sinistra vedi i monti e grandi distese verdi a destra il mare e i lungomare pieni di vita.
C’è il ritrovo dei teenager, c’ è il Comune, c’è il macellaio da generazioni…I negozietti che resistono all’avanzata dei centri commerciali.
E poi c’ è la mia zona.
È una zona residenziale fatta di villette bifamiliari/trifamiliari.
La scuola è letteralmente davanti casa e come
vuole la tradizione ..nonostante questo.. arriviamo sempre al suono della campanella con conseguente cazziatone da parte del nano ” ma mamma! Sei sempre in ritardo!”
Che ha ragione…per carità…
Ho la piscina, l alimentari, il forno..tutto davanti casa.
C’è il bar che d estate fa il karaoke e alle tre di notte si sente la barista ubriaca che canta “Vita spericolata”..
Impagabile.
La macchina ormai ha le ragnatele.. Il ragno si sarà fatto una villa perché non la uso da tempo immemore.
Quello che mi piace è che ormai andare a Roma è uno stress ..
Stiamo bene qui che già due macchine in piu’sono troppe.
Lo gnomo ha i suoi amichetti e ormai ha un’agenda fitta di impegni tra pomeriggi di giochi, spettacoli di burattini, parco Etc Etc che io sono stanca a stargli dietro.
E poi le mamme di questi bimbi.
Una fortuna ad aver conosciuto brava gente, che sembra scontato, ma non è facile di questi tempi.
Quando si dice “a
misura d’uomo” : è una realtà che una città non ti puo’ offrire.
Per dirla tutta.. Pure la menta si trova bene… Mi è tutta rifiorita…

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Baslafritta pensiero e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Basla land

  1. Bioro76 ha detto:

    …insomma, se ci vogliamo rivedere, devo venire io, mi pare chiaro! :DDD

  2. Bioro76 ha detto:

    …chiamami!!!! 😉

  3. …e crescerà pure il prezzemolo!!!!

  4. cristina ha detto:

    ….arriverà anche il prezzemolo!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...